ANTIMEDALE e PILASTRO IRENE 
Versione stampabile PDF Bookmark and Share
 
L’ANTIMEDALE è una tozza parete di calcare chiaro, un po’ schiacciata dalla mole della Medale ma ugualmente imponente, soprattutto nella parte centrale dove raggiunge i 200 metri di dislivello. Il SETTORE ITINERARI SPORTIVI è situato nell’area sinistra della struttura, dove si nota una fascia basale di placche compattissime. Sulle vie lunghe l’arrampicata è quella tipica della zona lungo diedri, fessure, muri a buchi e lame di ottima roccia, un po’ disturbata dalla vegetazione nei primi tiri. Nonostante le difficoltà non eccessive, queste salite richiedono adeguata esperienza nelle manovre di corda, e la capacità di valutare quando è il caso di integrare le protezioni esistenti con dadi/friend. Molto interessante anche il vicino PILASTRO IRENE, che offre la possibilità di validi concatenamenti con le vie del soprastante pilastro della Medale. In generale roccia ottima, ma anche zone più rotte su cui prestare particolare attenzione.
Tutt’altro discorso per gli itinerari sportivi, entusiasmanti e di gran classe su placche verticali di roccia fantastica, decisamente severi per la combinazione tra l’arrampicata di difficilissima lettura, di equilibrio e movimento su gocce, buchetti o minime asperità, ed una chiodatura assai distanziata.

La discesa dalle vie lunghe avviene seguendo verso sx (viso a monte) un sentiero in parte attrezzato che corre sul bordo della parete terminando su un ripido salto, esposto e senza catene, da percorrere con grande prudenza fino al ghiaione sottostante. Attenzione a non smuovere pietre. E’ stata creata anche una veloce linea di doppie che parte poco sotto l’ultima sosta della VIA DEGLI ISTRUTTORI e de L’ALTRA CHIAPPA: servono 2 corde da 60 metri ma andrebbe evitata in caso di affollamento. In ogni caso, a parte quest’ultima soluzione utile per le due vie sopra citate, si sconsiglia vivamente di calarsi lungo gli itinerari di salita, nonostante le catene di sosta!


NOTA: la parete è esposta alle cadute di sassi; evitare il SETTORE ITINERARI SPORTIVI quando ci sono cordate in azione sulle vie lunghe, che potrebbero causare scariche mentre percorrono il sentiero di discesa.

Periodo
Dall’autunno all’inizio della primavera, escludendo l’estate. La roccia asciuga in fretta.

Chiodatura
ANTIMEDALE e PILASTRO IRENE - VIE LUNGHE: gli itinerari decritti (a parte Scarpa Igienica e Quo Vadis) sono stati riattrezzati a resinati dalla Casa delle Guide di Lecco, nell’ambito del progetto della Comunità Montana del Lario Orientale in occasione del 2002, Anno Internazionale delle Montagne. La distanza tra le protezioni non è mai troppo ravvicinata; si raccomanda quindi una dotazione di dadi e qualche friend. Sono presenti anche diversi chiodi; soste ottime a resinati. Non dimenticare il casco!
ANTIMEDALE - ITINERARI SPORTIVI: molte vie sono state riattrezzate a fix, mantenendo il carattere originale esigente e selettivo, ma ci sono ancora itinerari (soprattutto i tiri superiori) con vecchi spit.

Chiodatori
L’Antimedale in passato era del tutto ignorato a favore delle più rinomate pareti del Medale e delle Grigne, finchè nel 1974 Ivan Guerini sale Scherzo su Staffe nella sezione centrale della struttura, un itinerario che non ha avuto molta fortuna ed è ormai abbandonato. Un successo immediato l’ebbero invece le due vie aperte da Raffaele Dinoia e Daniele Chiappa, anch’essi alla ricerca di alternative alle mete classiche di quel periodo. Poi, nel 1984-1985, Marco Ballerini, Carlo Besana, Giuseppe Bonfanti, Valerio Casari, Roberto Crotta, Beppe Dallona e lo stesso Lele Dinoia attrezzano diversi monotiri che rappresentano perfettamente, ad alto livello, lo stile predominante del lecchese su placche e muri verticali. Giovanni Rivolta infine riattrezza alcune vie nel 1997. Oggi gli itinerari sportivi sono un po’ disertati perché, oltre alla meritata fama di essere parecchio ingaggiosi, richiedono movimenti un po’ “fuori moda”. Restano comunque dei veri e propri test tecnici e mentali.
 
Gli altri itinerari dell’Antimedale e del Pilastro Irene:
-VIA DEI CRAPP: Paolo Crippa (Cipo), Mosè Butti 1981. Segue inizialmente la fessura un po’ erbosa in centro parete. 140m, 6c.
-VARIANTE DEL DISOCCUPATO: Paolo Vitali, Lorenzo Mazzoleni 1983. Supera il caratteristico tetto squadrato tra Dinoia e Chiappa. 30m, 6c.
-APACHE: Delfino Formenti, Daniele Chiappa 1981. A dx della Dinoia su muri interessanti. 120m, 5c.
-SENTIERI SELVAGGI: Delfino Formenti, Danilo Valsecchi 1981. Supera il pilastro che delimita a dx la parete, su roccia ottima ma ormai disturbata dalla vegetazione. Soste a resinati ma chiodatura vetusta, da integrare. Il pilastro è soggetto ad occasionali scariche di sassi. 120m, 5c.
- ASEN: gruppo Asen Park Lecco 2012; 3 tiri a chiodi e spit. Portare dadi e friend. 6a (5c obb.). Attenzione, il canale a dx scarica frequentemente e la via non è sempre pulita causa la scarsa frequentazione. Discesa in doppia sulla via e poi sulla Dinoia. Oppure salire a prendere il sentiero (estrema attenzione ai sassi…).
- LAURA al PILASTRO IRENE: Gerardo Re Depaolini, Daniele Brunelli 2012; 4 tiri a spit e chiodi. Portare friend medio piccoli. VIII (5c obb.). Inizia 10m circa a dx di Sogni Proibiti.


Accesso
Da Lecco salire verso la Valsassina lungo Corso Matteotti (Stadio), Corso Montesanto e Corso San Michele al Carso. Al rione Malavedo, in corrispondenza di un tornante a dx, voltare a sx in Via Quarto parcheggiando al suo termine presso il Cimitero. Proseguire tra le abitazioni e, superata una scalinata,  si sbuca su una strada asfaltata; percorrerla verso sx, al termine procedere brevemente a dx e quindi salire per un scalinata ed un sentiero acciottolato (n.52 San Martino - Val Verde – Resinelli) fino alla sterrata di servizio alle reti paramassi. Seguirla verso sx, quindi prendere un sentiero a dx (n.58 Ferrata Alpini della Medale), al cui termine si sale lungo una ripida traccia nel bosco che poi obliqua a dx sbucando su terreno ghiaioso.
ANTIMEDALE e PILASTRO IRENE, it. 29: traversare un poco verso dx, quindi risalire il ghiaione lungo una traccia fin sotto la parete. 30 minuti.
PILASTRO IRENE, it. 30: invece di risalire il ghiaione continuare a traversare in piano raggiungendo la Ferrata; seguire i cavi per qualche decina di metri e, al termine del primo traverso a dx, abbandonarli per continuare a dx su gradoni e sfasciumi, salendo poi brevemente contro le rocce fin sotto un diedrino. Itinerari 31-32: traversare ancora a dx fino ad una clessidra cordonata (Via Don Lorenzo Milani); Fidel Castro parte poco più avanti in un canalino. 30 minuti.

Clicca per la versione stampabile pdf
ANTIMEDALE – VIE LUNGHE
 
4 FRECCE PERDUTE **
Don Agostino Butturini, Pietro Corti, 1983
120m - 4L
6a (5b obb.)
P2 - 12 rinvii, scelta di dadi/friend, 2 corde 60m. Attrezzatura a resinati e chiodi
Divertente salita, con passi atletici nella prima parte ed un finale su splendide placche. Inizia sotto un diedrino nel settore sx della parete, oltre la zona degli itinerari sportivi
L1 6a    45m Muretti appigliati e diedro; superare poi uno strapiombino ed uscire per il diedro di dx
L2 4b    25m Placche poco ripide traversando infine a dx in un canalino
L3 5c    20m Spostarsi a dx e salire la bella placca a buchi e fessure con muretto finale compatto
L4 5a    30m Qualche metro a dx, poi salire l’elegante placca evitando un tettino
Discesa: salire su roccette e ghiaie (procedere assicurati) fino ad incrociare il sentiero di discesa

5 VARIANTE ZANETTI (LASA A CA’ IL CASKETT) **
Ivano Zanetti, Franco Banal, 1984.
L1 6a+    30m Dalla S3 salire verso sx su ripida ed elegante placca compatta

25 VIA CHIAPPA **
Daniele Chiappa, Cesare Mauri, Marco Crippa, 1975
220m - 6L
5b (5a obb.)
P2 - 12 rinvii, scelta di dadi/friend, 2 corde 60m. Attrezzatura a resinati e chiodi
Via gradevole con tratti interessanti, un po’ unta. Inizia sulla verticale del pilastro centrale (scritta)
L1 3a    45m Salire per placchette, poi verso dx ad un canalino che porta ad una cengia
L2 4b    25m Proseguire su muretti fessurati
L3 4b    45m Aggirare a dx un piccolo tetto, spostarsi a dx e seguire un diedro oltre un pilastrino
L4 5a    35m Seguire un canalino che porta al terrazzo sotto il grande tetto, da cui si traversa a sx
L5 5b    35m Ancora a sx, quindi salire a dx ad un diedrino verticale che si supera uscendo a dx
L6 4b    35m Proseguire verso sx, all’inizio leggermente in discesa, per placche discontinue
Discesa: salire su roccette e ghiaie (procedere assicurati) fino ad incrociare il sentiero di discesa

26 L’ALTRA CHIAPPA ***
Guide Alpine Marco Della Santa e Fabio Lenti, 2003
200m - 6L
6a+ (5c obb.)
P2 - 12 rinvii, scelta di dadi/friend, 2 corde 60m. Attrezzatura a fix
Bellissima salita su placche tecniche, fessure e lame. Inizia in comune con la Chiappa
L1 4a    45m Dopo i primi metri con la Chiappa salire su placca articolata. Sosta sulla sx
L2 5a    25m Rimontare su una placconata fessurata che si sale tendendo verso sx
L3 6a+    40m Muretto verticale, spostarsi a dx, salire ad un diedro con fessurina, poi ancora fessure
L4 6a    30m Placca verso sx, girare lo spigolo e traversare a sx ad altro spigolo, poi ancora verso sx
L5 6a+    30m Placca con fessura, poi altri muretti ed uscita su muro liscio con lama tutta a dx
L6 6a    30m Ancora in placca a tacche e liste uscendo per il diedrino finale della Dinoia
Discesa: salire brevemente su gradoni (procedere assicurati), fino ad incrociare il sentiero di discesa. Oppure: 3 doppie da 60 metri, la seconda dalla S4

27 VIA DINOIA (o VIA DEGLI ISTRUTTORI, o VIA DI MARCO) ***
Raffaele Dinoia, Angelo Rocca, 1978
220m - 6L
6a (5a obb.)
P2 - 12 rinvii, scelta di dadi/friend, 2 corde 60m. Attrezzatura a resinati e chiodi
Classicissimo itinerario molto vario, a tratti unto. Inizia su una placca adagiata (scritta)
L1 3a    40m Placchetta adagiata, poi lame e gradoni fino in cima all’avancorpo
L2 4a    35m Dopo pochi metri facili superare un muretto a buchi, poi a dx uscendo per un canalino
L3 4a    30m Salire verso sx su placca articolata
L4 5c    25m Superare uno strapiombino e proseguire lungo una splendida fessura uscendo in placca
L5 5b    45m Verso sx ad un diedrino, poi salire un muretto ed un elegante diedro; sosta a dx
L6 6a    45m Salire in placca, traversare a sx su tacche e uscire per un diedrino strapiombante, unto
Discesa: Come per la precedente

28 LA SCARPA IGIENICA **
Marco Galli, G. Ferrario, Maurizio Garota, 22 . 12 . 1986. Ripresa da Fabio Valseschini nel 2016
125m - 4L; uscire su Dinoia o Q.V. Sosta 4 sul traverso L5 Dinoia, attenzione al traffico !
6a+ (5c obb.)
P2 - 10 rinvii, utile una scelta di dadi e friend piccoli/medi, 2 corde 60m. Attrezzatura a fix e chiodi. Itinerario interessante per placchette e diedrini. Dopo i primi 2 resinati L2 Dinoia, salire verso sx.
L1 3a    40m in comune con la Dinoia fino in cima all’avancorpo
L2 4c    30m Dopo pochi metri facili superare un muretto;al 2° resinato salire verso sx per placchette
L3 5c    30m Diritti in placca, aggirare a sx un diedrino e proseguire in placca
L4 6a+    25m Superare un diedrino, poi in placca molto tecnica; Sosta sul traverso L5 Dinoia
Discesa: proseguire per la Dinoia o Quo Vadis e scendere come per queste ultime

29 QUO VADIS ? UBI ME PARET **
Paolo Vitali, Luigi Fantoni, 24 . 3 . 1985 Ripresa con varianti da Fabio Valseschini nel 2016
100m - 3L, + 4L iniziali Dinoia/Scarpa Parte sul traverso L5 Dinoia, attenzione al traffico !
6b/c (5c obb.)
P2 - 12 rinvii, utile una scelta di dadi e friend piccoli/medi, 2 corde 60m. Attrezzatura a fix e chiodi.
Arrampicata tecnica su ripidi muri e fessura. Si può prendere dalla Dinoia o dalla Scarpa Igienica.
L1 5c    35m dalla sosta di partenza spostarsi 1m a dx, poi salire per muretti e diedrini
L2 6b/c    35m a dx su un pilastrino, poi seguire una fessura obliqua e al termine salire a dx alla sosta
L3 6b/c    30m Salire leggermente sulla sx, poi rientrare a dx e diritti su ripida placca  di dita, uscendo
                    per gli ultimi 2 resinati di Stelle Cadenti
Discesa: raggiungere brevemente il sentiero di discesa comune alle atre vie della parete

NOTA: SCARPA IGIENICA e QUO VADIS richiedono un impegno globale superiore rispetto agli altri itinerari dell’Antimedale, valutando dove sia utile integrare le protezioni esistenti.
Inoltre, considerata la scarsa frequentazione fino ad ora (nov. 2016), prestare la dovuta attenzione alla roccia, più che sulle altre vie (che contano numerosissimi passaggi).

30 STELLE CADENTI **
Angelo Riva, M. Tacchella, P. Albetti, A. Fossati, 1990. Il primo e l’ultimo tiro sono delle varianti.
220m - 6L Compreso L1 Dinoia
6b+ (5c obb.)
P2 - 12 rinvii, scelta di dadi/friend, 2 corde 60m. Attrezzatura perlopiù a resinati e qualche chiodo
Via molto valida per ripide placche con passaggi impegnativi.
L1 3a    50m In comune con la Dinoia. Dalla S1 salire contro la parete e spostarsi a dx alla S1bis
L2 4c    30m Salire la placca fessurata di dx
L3 6b+    35m Muretto a piccole tacche, seguito da una liscia placca con passo aleatorio
L4 5c    20m Salire il diedrino a sx, quindi diritti in placca
L5 6b    40m Bellissimo muro tecnico con strapiombino, aggirando a dx il tetto soprastante
L6 6a+    45m Salire verso sx effettuando brevi traversi con passi ancora impegnativi; oltrepassato il
                  bordo della parete salire un breve tratto ghiaioso fino alla S6 (attenzione ai sassi)
Discesa: Salire brevemente a sx, poi traversare fino alla partenza della catena (procedere assicurati); seguire ora verso sx il sentiero in parte attrezzato
Clicca per la versione stampabile pdf
ANTIMEDALE – ITINERARI SPORTIVI
 
1
SCONTATELLO *
 
7a+
30 m
Difficile strapiombo di dita e magnifica placca 
2
AIDS
 
7a+
30 m
Breve variante sullo strapiombo 
3
BARBARELLA
 
7a
30 m
 
6
SULTAN OF SWING
 
6c
20 m
La difficoltà è data stando sulla linea degli spit 
7
LAVANDA GASTRICA *
 
7a+
28 m
Splendida placca, molto complicata ed engagee 
8
CALYPSO *
 
6b+   
30 m
Elegantissima placca tecnica su roccia scolpita 
9
HATU PER TU *
 
8a
28 m
Celebre tiro tecnicissimo e di equilibrio; engagee. RP A.Gallo 
11
AQUALUNG *
 
7a+
38 m
Resistenza ed aderenza con gran finale. Engagee!
12
BIDE’ *
 L1
6c+
15 m
Passo singolo
 
 
L2
7a+
25 m
Traverso delicato e placca di dita. Chiodatura engagee!
13
SCHERZO SU STAFFE
 
5c
20 m
Fessura a lame
14
MONELLA
 
7a+
20 m
Chiave diritti (non sulla fessura a sx). Chiodatura engagee! 
15
CATALAGNA
 
7a
20 m

16
ODISSEA DI UN MAIALE *
L1 
6c+
20 m
Tiro tecnico con tratti aleatori 
 
 
L2
7a+
20 m
Fessurina accennata in placca. Chiodatura engagee!
17
OVERTHE’ *
L1 
7a
20 m
Resistenza e boulder finale 
 
 
L2
7b
20 m
Placca tecnicissima su microprese. Chiodatura engagee!
18
VAVAVUMA
 
7a
22 m
Chiodatura engagee 


Da qui a destra: notevole pericolo di scariche

19
QUASIMODO, LO SCIMMIONE, IL FICO FIORONE
 
6c
20 m

20
DELTA DI VENERE
L1 
6c
15 m
L2 6c 25m  
21
CAI GERUSALEMME
 
7b
25 m
Tiro severo in aderenza su muro ripido
22
PELLE DI DAINO
L1 
6a+
25 m
L2 6c 25m; L3 6b 15m Itinerario un tempo molto rinomato
23
CAPRICCI E VANITA’
 
6b+
25 m
Roccia lichenosa 
24
VARIANTE DEL MARIO
 
6c
25 m

Clicca per la versione stampabile pdf
PILASTRO IRENE
 
31 SOGNI PROIBITI ***
Lorenzo Mazzoleni, Salvatore Panzeri (Tore), 1984
110m - 4L
6b+ (5b obb.)
P2 - 12 rinvii, dadi, 1 friend medio, 2 corde 60m. Attrezzatura a resinati e chiodi
Bellissima arrampicata sostenuta. Dalla S2 Dinoia traversare su cengia (procedere assicurati), poi salire verso dx su sfasciumi (attenzione) fino all’inizio della via, a dx di una piccola grotta con edera
L1 5b    30m Breve rampa, fessura leggermente strapiombante, spostarsi a dx e salire un muretto
L2 6b+ 25m Diedrino cieco, uscire a sx su un muretto impegnativo e seguire una lama; al termine
                   spostarsi a dx ad un’altra lama faticosa: utile un friend medio
L3 6a    20m Bei muretti compatti
L4 6a+ 35m Placca a gocce uscendo per uno strapiombino con appigli mobili, poi a dx su blocchi
Discesa: Spostarsi a dx e salire per ghiaie alla Ferrata (procedere assicurati). Scendere lungo quest’ultima in autoassicurazione, ponendo attenzione a non muovere sassi ed a non intralciare gli alpinisti in salita. Impegnativo

32 MIRYAM *
Giuliano Uboldi, Raffaele Banfi, Gabriele Biella, 1984
160m - 6L
6a+ (5b obb.)
P2 - 12 rinvii, scelta di dadi/friend, 2 corde 60m. Attrezzatura perlopiù a resinati e qualche chiodo
Arrampicata discreta, su roccia buona ma con diversi tratti delicati e qualche blocco instabile. Inizio presso un diedrino (vedi Accesso)
L1 5c    30m Diedrino, poi fessure e lame con uscita impegnativa
L2 5b    25m Salire verso dx e proseguire su placche adagiate
L3 5a    20m Raggiungere un diedrino, da cui si esce a dx per seguire uno spigolo a blocchi
L4 5c    30m A dx ad un fessura seguita da un muretto tecnico
L5 6a    25m Dopo un tratto a gradoni, si supera un diedrino a gocce con passo di decisione
L6 6a+ 30m Aggirare a dx un tettino e salire presso lo spigolo con uscita area a sx
Discesa: Proseguire facilmente su sfasciumi (procedere assicurati; attenzione) fino al sentiero che proviene dalla Ferrata. Scendere lungo quest’ultima, che si raggiunge traversando brevemente a sx

33 VIA DON LORENZO MILANI *
Gerardo Re Depaolini, Saverio De Toffol, 2005. Primi due tentativi con Amos Locatelli
150m – 4L
6c (6b+ obb.)
P3 – 12 rinvii, dadi e Camalot fino al n.1, kevlar. Soste a fix, attrezzatura a chiodi e fix da integrare
Sale per muri verticali con arrampicata tecnica. Due passaggi obbligati dove serve decisione
L1 6b    35m Muretti appigliati e difficile tratto finale
L2 6a+    50m Diritti su ripida placca, poi verso sx su rocce più articolate
L3 6c    25m Bel muro tecnico con uscita più facile
L4 6c    40m Placca tecnica, poi sfasciumi (attenzione) fino al sentiero che proviene dalla Ferrata
Discesa: scendere lungo quest’ultima

34 FIDEL CASTRO *
Gerardo Re Depaolini, Amos Locatelli, 2004.
120m – 5L
6c+ (6b+ obb.)
P2 – 12 rinvii, dadi e Camalot fino al n.2, kevlar. Soste a fix, attrezzatura a chiodi e fix da integrare
Difficile  placca verticale, entrando in un diedro più facile ma con qualche passaggio delicato
L1 2c    30m Facile canalino
L2 6c+    20m Muro compatto molto continuo
L3 6c+    20m Traverso tecnico
L4 5a    25m Diedri e rampe
L5 5a    25m Ancora diedri articolati
Discesa: risalire gli sfasciumi (procedere assicurati; attenzione) raggiungendo il sentierino che porta alla Ferrata. Scendere lungo quest’ultima
 
Testi, disegni e immagini: Copyright © 2006-2017 larioclimb.paolo-sonja.net
Accessi a LARIOCLIMB
Accessi alla Homepage Paolo&Sonja