CORNA DI MEDALE 1029m
PILASTRO SUD-SUD-OVEST e PARETE SUD-SUD-EST

Versione stampabile PDF  Bookmark and Share  
Vedi anche la pagina dedicata al Progetto di riattrezzatura Grigna e Medale

 
Testi e disegni ripersi con modifiche, aggiornamenti e aggiunte, dagli originali di Pietro Corti – 2003. Note storiche sulla via Cassin in Medale: “Dove la parete strapiomba” Riccardo Cassin, 1958


La Corna di Medale sovrasta le casupole di Rancio e Laorca, rioni collinari di Lecco, con una grande pala concava alta più di 400 metri orientata al sole del mattino. Presenza costante nella vita di queste comunità, la Medale e i pendii ai suoi piedi sono stati riserva di legna, fieno magro, erbe medicinali …. e passeri solitari. Finchè nel 1930 un giovane operaio (scala da pochi mesi ma ha già fatto capire di che pasta è fatto), va a sbatterci il naso. Fino ad allora le grandi pareti delle Grigne e del San Martino erano ancora vergini, a parte la sud-ovest del Sasso Cavallo dove nel 1910 Gino Carugati aveva aperto una incredibile via. Inoltre Riccardo Cassin (il giovane operaio) è quasi completamente digiuno di tecniche di arrampicata, e la sua attrezzatura è a dir poco rudimentale. Il primo approccio è con un amico del posto, Carlo Corti, che aveva assistito ai primi tentativi sulla parete e quindi ne conosceva il migliore punto di “attacco”, sulla direttiva di una concavità percorsa da diedri e canalini ingombri di verdure e vigorosi arbusti. Ma questo poteva essere un punto a favore, perché significava minore esposizione e un sacco di punti di assicurazione naturali.
Primo tentativo: uno a zero per la Medale e un gran bernoccolo in testa per Riccardo, che vola abbracciato a un masso. Secondo tentativo con Mario Dell’Oro Boga: due a zero per la Medale causa temporale, bivacco improvvisato e umida ritirata. Riccardo ricorda la commozione provata quando alla sera vedono dei lumi che salgono dalle ultime case del paese: sono gli amici che vogliono sincerarsi che sia tutto ok ! Terzo tentativo, 12 agosto 1931: due a uno, l’ultimo punto prende tutto. La coppia di fuoriclasse in erba riesce in quella che sarà una delle vie più ripetute del mondo e dintorni (beh… forse abbiamo un pelo esagerato…..).

L’arrampicata in Medale si svolge lungo diedri intervallati da muri, placche e alcune sezioni strapiombanti. Data la quota, l’esposizione e il clima, la vegetazione non manca, e si incontrano tratti piuttosto delicati. Sulle vie proposte la roccia è però generalmente buona o ottima, ripulita dalle continue ripetizioni. Assai rinomati certi magnifici diedri o le fantastiche placche a gocce e tacche. E’ sempre necessaria grande esperienza nelle manovre di corda e la capacità di valutare le protezioni in loco, da integrare dove necessario. Le ritirate sono piuttosto complesse.

Periodo
Inverno e autunno. In primavera attenzione alla fioritura di un arbusto dai fiori gialli (da non confondere con il Maggiociondolo), estremamente ustionante. Da escludere l’estate.

Chiodatura
Delle vie qui recensite: Pancera, Bonatti, Xian e Break Dance sono state riattrezzate nel 2002-2003 con il progetto dalla Comunità Montana Lario Orientale (ora CM Lario Orientale Valle San Martino) nell’Anno Internazionale delle Montagne. Sono presenti ancoraggi resinati alla soste e sui tiri, dove sono stati lasciati anche diversi chiodi tradizionali. Le distanze tra gli ancoraggi sono rimaste sostanzialmente quelle originali: anche su queste vie bisogna portare dadi e friend nel caso si valuti la necessità di integrare. Per quanto riguarda le altre vie: attrezzatura mista a chiodi e fix, in diverse proporzioni, o esclusivamente a fix. Ticket, l’ultima nata, è l’unica attrezzata interamente dall’alto, rompendo gli schemi “di apertura” della parete (anche alcune vie del settore dx come Attraverso il pescecane – Fatebenefratelli – Susanna, sono state chiodate, in parte, dall’alto ormai molti anni fa).

Materiale utile
Due corde da 60m, casco, una scelta di dadi e friend medio-piccoli, cordini e, per le vie più difficili, un cliff-hanger che può risolvere qualche situazione “di stallo” grazie alla particolare roccia della parete, spesso ricca di gocce adatte all’utilizzo di questa diavoleria. Il discensore va portato per emergenza. Vedi anche quello eventualmente specificato per le singole vie.

Chiodatori
Negli anni successivi alla prima salita i migliori capicordata lecchesi, Boga, Cariboni, Panzeri, firmano, tra il ’34 e il ’37, la loro via nuova. In seguito, ogni generazione ha lasciato le sue tracce, e ora sulla parete ci sono più di 40 itinerari. Da ricordare alcune delle tappe dell’evoluzione alpinistica della Medale; lo spigolo di Walter Bonatti e Carlo Casati nel 1950, la “Brianzi” del 1960 e la via dei Ragni (Casimiro Ferrari e Guerino Cariboni) nel 1968. Le vie del periodo del cambiamento: la Milano ’68 e la Taveggia di Tiziano Nardella entrambe del 1968 e la Gogna nel 1969. L’avvento dello spit posizionato “aprendo” dal basso, con il primo assaggio di  Paolo Vitali e Carlo Aldè nel 1983 su Mary Poppins e poi la splendida Break Dance di Ivano Zanetti, Giovanni Chiaffarelli, Umberto Villotta nel 1984. Da allora è un fiorire di vie tra il 1985 e il 1986 tra cui spicca la difficile e complessa Rebus di Ivano Zanetti, Giovanni Chiaffarelli ed Eugenio Pesci, terminata il 20.4.1986. I più prolifici in questa nuova fase sono senz’altro Marco Galli, Eugenio Pesci, Giuliano Uboldi, Ivano Zanetti. Belle le realizzazioni di Manuele Panzeri e del fortissimo Giorgio Anghileri, fino ad arrivare alle severe salite di Gerardo Gerri Redepaolini tra cui Falce e Martello del 2002. Chiude, per ora, il prof. Pesci autore delle ultime vie sportive come La sezione Aurea e Ticket to ride.  

Valutazione delle difficoltà
Per semplificare è stata usata per tutte le vie (a parte Rachel e Davide) la scala francese, che rappresenta la difficoltà complessiva del tiro. Sulle vie lunghe tuttavia può essere utile leggere anche la continuità della singola lunghezza di corda: ecco quindi che (dove sembrava utile) comparirà più di un grado per tiro. E’ un esperimento… è già pronta la stessa topos in gradi U.I.A.A. !

Accesso
Da Lecco salire verso la Valsassina. Al rione Malavedo, in corrispondenza di un tornante a dx con specchio, andare dritti in Via Quarto seguendola finchè termina in un piccolo spiazzo con lavatoio. Parcheggio difficoltoso. Prendere il sentiero n° 52 per il San Martino - Val Verde – Resinelli che passa tra le abitazioni e sale fino ad una strada asfaltata. Procedere a sx e poi a dx dove la strada diventa sterrata; dopo un breve tratto in piano salire una ripida scalinata e poi un sentiero acciottolato fino alla sterrata di servizio alle reti paramassi. Seguirla a sx; al bivio lasciare il n° 52 e prendere la sterrata a dx (indicazioni: Ferrata Alpini della Medale, n° 58), al cui termine si sale lungo una ripida traccia nel bosco che poi obliqua a dx. Ignorare la traccia che sale all’Antimedale e proseguire a dx fino alla piazzola dove parte la Ferrata, che si segue per circa 250m (dotarsi di attrezzatura specifica) fino al termine del tratto più impegnativo.
Abbandonata la Ferrata, traversare a dx su una buona traccia nel catino delimitato sulla dx dal Pulpito Bonatti; quando la traccia inizia a scendere, stare alti portandosi alla partenza di Pancera Rosa, sotto la verticale di un grottone (scritta). Circa 15m a dx c’è la sosta di partenza di Ticket, per raggiungerla: vedi relazione.

Per le altre vie seguire la traccia principale, che scende brevemente verso dx fino ad un pulpito esposto (attenzione) con sosta di partenza di Bonatti, Brianzi, Xian, Rebus. Per Break Dance si effettua una calata di 10/15m fino alla sosta di partenza, sotto la verticale di una nicchia marrone. Per la Gogna la calata è un po’ più lunga (20/30m) fino ad altra sosta di partenza, posta sulla dx viso a monte, contro la parete. Ore 1.30/2. Terreno scosceso: muoversi con estrema prudenza.
Per Milano’68 e Rachel: oltrepassare l’inizio della Ferrata lungo un marcato sentiero, che poi si abbandona per salire alla base della parete, sotto la direttiva del grande diedro bianco posto a circa 150 da terra. Salire un canalino di rocce frammiste ad erba, parzialmente attrezzato con corda fissa (da verificare in loco), fino alla sosta di partenza. Ore 0,50.

Nota
 Poco a destra della Milano inizia la storica Via IV Novembre o Boga, di Mario Dell’Oro, Francesco Polvara e Ugo Tizzoni del settembre 1934, dopo un tentativo nel settembre 1933, naufragato a 40m dall’uscita a causa della perdita del materiale. L’itinerario aveva confermato il Boga ai vertici della scalata lecchese di quegli anni, ed è stato molto frequentato fino a tutti gli anni ’70; in seguito è stato progressivamente abbandonato a causa di grandi scariche di sassi, staccatesi da zone limitrofe alla via.

Discesa
A parte dove indicato, generalmente non consigliamo la discesa in doppia sulle vie. E’ preferibile seguire a ritroso la Ferrata, soluzione comunque faticosa e impegnativa; attenzione a non intralciare le persone in salita. Oppure: salire per la Ferrata fino in vetta alla Medale, da cui si ritorna a Rancio per i sentieri n° 56 - 56A e poi per il n° 52. Ore 0,40/1 circa.
Clicca per la versione stampabile PDF
1.PANCERA ROSA o ALTRI TEMPI
Marco Galli ed Eugenio Pesci giugno 1986. In occasione della richiodatura la via è stata ripresa con alcune varianti, tra cui gli ultimi due tiri, completamente nuovi.
180m – 6L
6c+ (6a obb.)
Magnifica salita, con tratti tecnici ed eleganti su placche o muri a gocce e tacche. Dall’ultima sosta traversare a sx su cengia (procedere assicurati) aggirando lo spigolo, fino a raggiungere la Ferrata.

2.TICKET TO RIDE
Attrezzata dall’alto da Eugenio Pesci, 2015. Prima salita: Eugenio Pesci-Giovanni Chiaffarelli (7a/A1e)
180m – 6L
7b+ (6c obb.)
Essendo un itinerario nuovo, riportiamo la relazione del chiodatore:
Interessante itinerario sportivo su roccia ottima. Arrampicata molto continua e tecnica, sempre sulle dita, con numerosi singoli violenti su gocce e lamette. Chiodatura ottima a fix inox, con passaggi obbligatori difficili su quasi tutti i tiri. Portare 20 rinvii, ed eventualmente un “furbetto” per un paio di rinviate precarie.
Attacco: si sale la ferrata della Medale fino all’uscita centrale verso il catino che porta alla via Bonatti (ore 0.30). Si traversa per traccia il boschetto pensile e, poco prima di un traversino in roccia (III) alla fine del catino si sale per vegetazione per 10m. alla S0, posta circa 15 metri a destra della S0 della via Altri tempi.
L1 6c            30m Muretti tecnici e lama fisica.
L2 7b+    32m Muro tecnico, traverso a destra e placca verticale su gocce lontane, fisica.
L3 7b/+    35m Boulder di dita, fessura con passo expò (6c obbl.), lunga placca in obliquo con uscita
  di lettura difficile.
L4 7a            18m Fessura facile e strapiombino atletico. Sosta scomoda.
L5 7b            25m Lungo muro verticale con prese piccole e nascoste, uscendo a destra. (consigliabile uni
  re L4 e L5: in questo caso 7b+, 18 rinvii).
L6    7b            28m Boulder molto duro su piccoli verticali (partire con il secondo fix prerinviato) poi bel die
  diedrino a gocce e risalti facili terminali.

3.SPIGOLO BONATTI (SPIGOLO SUD)
Walter Bonatti, Carlo Casati 18.9.1950. Il tiro finale è una variante attrezzata durante la richiodatura
200m – 5L
6a+ (5c obb.)
Itinerario storico, molto rinomato. La placca al termine del primo tiro costituisce un bell’exploit del giovane Bonatti, che, trovandosi davanti a un tratto inchiodabile, lo risolve brillantemente con grande determinazione, traversando in piena esposizione fino al terrazzino sullo spigolo. Un passaggio molto temuto ai tempi degli scarponi rigidi, e tutt’ora da affrontare con calma…

4.VIA BRIANZI
Giorgio Brianzi e Lino Tagliabue 17/18.4.1960
190m – 7L compresi primo e ultimo tiro Bonatti
6b (5b obb.)
Altra via di stampo classico per diedri e fessure attrezzata a chiodi, da verificare, e vecchi fix. Primo tiro in comune con la precedente, poi a sx a superare un diedrino e il muretto a gocce che caratterizza la salita, che per lungo tempo ha avuto la fama di itinerario molto impegnativo, rimasto tutt’ora piuttosto severo.
Clicca per la versione stampabile PDF
5.IL CAMMINO DELLO XIAN
Eugenio Pesci e Alessandro Monti in più riprese, conclusa il 7.1.1993
170m – 7L compresi primo tiro Bonatti e ultimo Pancera
7c (6b+/c obb. seguendo L3 originale – 6b/6b+ obb. seguendo la variante) RP Luca Schiera
Itinerario tecnicamente molto impegnativo, prevalentemente su placche o muri verticali di dita e continuità. L2: molto breve. L3: si supera un tettino e un muretto a gocce con tratto obbligato (oppure: cliff) che si può addolcire con una Variante: sotto il tettino traversare 3m a sx in leggera discesa fino ad una lama, rientrando a dx al resinato sopra il tetto; utile un friend medio e attenzione allo scorrimento delle corde. L5: si può salire stando a dx dei primi ancoraggi rientrando poi a sx (7a da confermare), evitando così la partenza di 7c, che comunque è azzerabile.


6.REBUS
Ivano Zanetti, Giovanni Chiaffarelli, Eugenio Pesci in più riprese, conclusa il 20.4.1986
260m – 11L
8a (6c obb.) RP Luca Schiera
Tra le vie lunghe delle Grigne, Rebus resta saldamente nei piani alti della classifica per la complessità dell’arrampicata, la severità d’insieme e la difficoltà obbligatoria. Vie di fuga su Bonatti, Break Dance e Gogna. Attrezzatura a fix e chiodi con diversi punti da integrare; portare una serie completa di dadi, compresi i micro, e di friend dai micro ai medi; utili le staffe e qualche chiodo. Possibilità di usare i cliff su L2 (chiodatura lunga). L3: difficile passaggio in partenza (fessura a dx). L4: tiro complicato con difficile partenza, poi diedrini a tratti “sporchi”. Rinviare lungo per evitare gli attriti. L7: alzarsi su Break Dance, quindi a dx (ev. passo su microdado) per superare uno strapiombo; 8a e 6c obbl. L9: giunti sotto il tettino, moschettonare il fix sul bordo e spostarsi 2m a dx per superare il tetto. Soluzione consigliata. Uscire per la Gogna o salire gli ultimi 2L originali con protezioni lunghe, da integrare.

7.BREAK DANCE
Ivano Zanetti, Giovanni Chiaffarelli, Umberto Villotta in più riprese, conclusa il 23.12.1984
240m – 8L
7b (6a+ obb.)
Itinerario bellissimo, con tratti atletici su diedri strapiombanti e altri più tecnici su placche e muri a gocce. Tutt’ora un “must” dell’intera parete.

8.VIA GOGNA
Alessandro Gogna e Leonardo Leo Cerruti in più riprese, conclusa nel maggio 1969
260m – 8L
7b+ (5b obb.)
Storico riferimento dell’evoluzione dell’arrampicata nelle Grigne, la via è stata riattrezzata con un intervento minimale ad ancoraggi resinati, che ha interessato le soste e la sostituzione dei pochi chiodi a pressione. Per il resto chiodi normali, da verificare. Bella arrampicata prevalentemente per diedri su roccia nel complesso buona. Il tratto più difficile (non obbligato) è sulla liscia placca degli ex-chiodi a pressione.

9.RACHEL E DAVIDE
Gerardo Redepaolini, Davide Porta, Angelo Riva nell’inverno 2002 - 2003
190m – 7L
VIII- (VI+ obb.) Rispettando l’ottica del primo salitore lasciamo i gradi U.I.A.A. in caratteri romani.
Inizia insieme alla Milano ’68, con cui ha in comune i primi 4 fix. Valido itinerario su roccia generalmente buona, con tratti dove serve un po’ di attenzione. La via è attrezzata a chiodi e fix ed è necessario integrare. Portare una scelta di dadi e di friend piccoli / medi. Dalla S7 è possibile la discesa in doppia sulla via con 4 calate e corde da 60m, oppure si può  proseguire sulla Gogna. Sopra S7 sale un ultimo tiro; sconsigliato.

10.VIA MILANO ‘68
Tiziano Nardella ed Ettore Pagani in più riprese, conclusa nell’aprile 1968
360m – 11L
7a+ (6a obb.)
Famosa “classica” della Medale, lunga, impegnativa e faticosa; soprattutto nella seconda parte. E’ stata richiodata da Nicolò Berzi, Ettore Pagani e Alessio Viola nel 2001-02, sostituendo i chiodi con fix, allungandoli rispetto alla distanza originale degli ancoraggi. E’ possibile integrare con dadi e friend. Molto apprezzata la combinazione tra la Milano ’68 fino al Diedro Bianco (compreso) e la Gogna. In caso di necessità è possibile scendere sulla via (2 corde da 60m) dalle soste indicate sul disegno. Segnaliamo però che si tratta di calate su terreno complesso ed esposto.

Testi, disegni e immagini: Copyright © 2016 larioclimb.paolo-sonja.net
Accessi a LARIOCLIMB
Accessi alla Homepage Paolo&Sonja