NIBBIO
Versione stampabile PDF  | PHOTO GALLERYBookmark and Share
Il Nibbio

A sinistra della mite paretina Nord, il Nibbio si sviluppa con un grande muro strapiombante inciso da diedri e profonde fessure che separano placche grigio-gialle compatte. Qui predomina l’arrampicata di resistenza su buone tacche e buchi, dove serve sempre un po’ di forza di riserva per superare difficili sequenze di dita, mentre nelle fessure corrono itinerari atletici e faticosi. La roccia è ottima, a tratti unta, e molte vie si sviluppano per due/tre tiri prestandosi a lunghissime combinazioni con moulinettes complicate (non dimenticare il nodo al capo libero); è sufficiente la corda da 70m, ma per certi concatenamenti è meglio quella da 80m. Trattandosi di una delle poche falesie lecchesi estive, non è raro incontrare affollamento.

Periodo
Solo in estate (può capitare che chi assicura debba coprirsi a dovere anche in pieno agosto); un po’ di sole al mattino. La roccia tende a trasudare dai buchi dopo qualche giorno dalle piogge.

Chiodatura
Attrezzatura prevalente a fix, ed anche resinati, di qualità variabile ma in generale buona. Distanze severe e prime protezioni spesso alte. Anche i gradi più bassi bisogna guadagnarseli!

Chiodatori
Il Corno Settentrionale del Nibbio è stato il primo laboratorio per gli scalatori lecchesi fin dagli anni ’30, che qui hanno sperimentato nuove tecniche e stili di arrampicata. Lo sviluppo in ottica sportiva si deve ai “locals” Marco Ballerini (Bàllera), Stefano Alippi, Norberto Riva (Norbi), Giuseppe Bonfanti (Ciusse), Pierantonio Cassin (Tono), e pochi altri, che dai primi anni ’80 hanno dapprima liberato le classiche, per poi tracciare nuovi itinerari di gran classe. 

Accesso
Da Lecco salire a Ballabio (indicazioni Valsassina) e proseguire fino ai Piani dei Resinelli, dove si sale subito a dx fino ad un piccolo spiazzo di fronte alla ripida deviazione per il rif. Porta (se non si trova posto, parcheggiare al piazzale). Continuare a piedi verso il rif. Soldanella e, in corrispondenza di due villette verso valle, scendere a dx per Via Carlo Mauri al cui termine si segue il sentiero che scende a dx (Indicazione Nibbio) e continua in piano fino ad un gruppo di cascine, da cui si sale fin sotto la parete Nord. Subito a sx si raggiunge la parete NordEst. 15 minuti.

Clicca per la versione stampabile PDF
1   STUFETTA                     6a  20m Muretto d’uscita
2   AVE NINCHI                   6a+ 22m Placca verticale ben appigliata e muretto 
                                         finale di dita
3   BO DEREK                     6b  25m Tiro tortuoso con difficoltà in crescendo
4   ROSI BINDI                   6c  25m Strapiombo strano e muretti tecnici
5A  CAMINO PELLIZZARI            5c  25m Chiodatura molto lunga
5B  PROLUNGA DEL PELLIZZARI      6b+ 35m Spaccature oblique 
6   OMBRE DI LUCE                7c  25m Chiave sotto la catena; ch. lunga. 7a+ se si 
                                         spacca a sx
7D  RUPE TARPEA                  6b+ 32m Sequenza iniziale fisica
7E  PROLUNGA DELLA RUPE          7c  42m Placca tecnica chiodata lunga (meglio
                                         partire su Alù)
8C  UN UOMO NUOVO                6b+ 20m Tiro inizialmente costretto; poi un tratto 
                                         chiodato lungo
9D  ALU’                         6c  30m Muretto di dita, poi continuità in placca
                                         con piccole prese 
9F  PROLUNGA DI ALU’             6c  35m Breve prosecuzione. Il grado non cambia
10D GIULIA                       7a  30m Vago spigolo con chiodatura molto lunga
11  GIOVANOTTI E SIGNORINE *     8a  40m Placca chiodata lunga. Chiave nel finale 
                                         diritti sugli spit 
12  DIEDRO BOGA *             L1 6a  15m Diedrino strapiombante straunto 
                              L2 6b  23m Elegante diedro fessurato, bisunto; 
                                     38m da terra
13  PENNA GIALLA                 7c+ 38m Dalla S1 Boga prosegue su muro leggermente 
                                         strapiombante a tacchette 
14  ASTROBOY *                L1 6c+ 15m Tiro aggettante di dita, movimento e 
                                         decisione 
                              L2 6c  23m Muro verticale tecnico e fessura atletica; 
                                         38m da terra
15  SPIT & SPAN *             L1 6b+ 15m Strapiombino fisico 
                              L2 7a  23m Placca a tacche e buchi con chiave finale; 
                                         35m da terra
16H QUO VADIZ                 L1 6b+ 20m Traverso e muretto di dita 
                              L2 6c  15m Muro tecnico con finale complicato. Di solito
                                         si  concatenano Fire Fox (soluzione 6c) ed L2
                                         Quo Vadiz; 30m
16G QUO VADIZ-SANT’ELIA          6c+ 42m Prosecuzione su L2 S. Elia. Moulinette 
                                         complicata
17I  SOLE DI MEZZANOTTE *        6c  35m Iniziare su Fire Fox (soluzione 6c) o su 
                                         SPIT, poi muro verticale con sezioni 
                                         tecniche.  Incrociata la  S. ELIA,
                                         proseguire diritti per lama fino ad una 
                                         catena a sx
17J SOLE DI ½ NOTTE LUNGA *      6c+ 42m Ancora qualche metro, con uscita da capire 
18  FIRE FOX                     7c  15m Muretto velenoso. Normalmente si parte su Qu
                                         Vadiz, per poi salire diritti: 6c
19  MC KINLEY *               L1 7c  25m Resistenza in strapiombo, poi difficile
                                         placca verticale a tacchette. Il grado è dato
                                         uscendo dritti sugli spit al termine del 
                                         tratto strapiombante (7b+ usando buchi a dx)
                              L2 7b  20m Placca verticale di movimento. 
                                         In monotiro: 7c+ 42m 
20  LE ORECCHIE DEL DR.SPOCK     7b+ 15m Breve tiro esplosivo
20H PRENATAL                     7c+ 30m Dopo il boulder del Dr.Spock,  si va a sx
                                         sulla Mc Kinley
21  SANT’ELIA                 L1 7a  30m Fessura obliqua tecnica e atletica (e unta) 
                                         con finale più facile ma poco protetto. 
                                        Moulinette complicata 
                              L2 6c  20m Ancora fessura faticosa con un tratto 
                                         sbilanciante
22  LA GODURIA DELL’ANGURIA * L1 6c+ 28m Partenza di dita, poi continuità in 
                                         strapiombo su buone prese e placchetta 
                                         tecnica finale. 
                              L2 7c  18m Placca iper-tecnica e di resistenza
22K LA GODURIA DELL’ANGURIA *    6c+ 35m Prima della S1 si può proseguire a dx alla
                                         S2 di Un Coin
23  LA GODURIA DEL MELONE     L1 7b+ 35m Si stacca dall’Anguria verso dx su bel
                                         bombamento 
                              L2 7a  15m Muretto nero a liste
24  BY PASS                   6c+ 35m Variante alla Goduria; buone prese ma
                                         chiodatura lunga 
25  UN COIN A BEN *           L1 7a  22m Atletico su buchi, spesso viscidi, ed uscita
                                         di decisione 
                              L2 6b  20m Placca rugosa 
                              L3 6c  15m Muretto tecnico. Poi uscire in cima lungo la
                                         Via Comici. 
                                         Dedicata a Benvenuto Laritti (Ben)
26  UN COIN DIRETTA              7b+ 22m Chiodatura lunga. Più bella partendo sulla
                                         Goduria
27  LA DIRETTA AL MORTO          7a+ 22m Tiro atletico e continuo, con sequenza finale
                                         sbilanciante
28  COMICI                    L1 6a  32m Famoso passaggio di entrata marmoreo, poi
                                         diedri 
                              L2 6a  25m Eleganti diedri 
                              L3 6a+ 20m Risalto atletico. Dalla S3 salire  in cima
                                         per roccette  (ATTENZIONE ai sassi) scendendo
                                         poi per sentiero
29  OMBRE NEL VUOTO              7c+ 20m Chiodatura obsoleta. Abbandonato
30  SCARABELLI                   7a+ 32m Si stacca a sx dopo il muretto iniziale del
                                         Triangolo diretto. Oltre il tetto si esce in
                                         placca con  movimento su buchetto a sx dello
                                         spit
31a TRIANGOLO DIRETTO *          7a+ 20m Muretto di dita; poi spostarsi a dx sul tiro
                                         originale
31  TRIANGOLO INDUSTRIALE *   L1 7a+ 20m Muro verticale e prua strapiombante; uscita
                                         complicata 
                              L2 7b  12m Muro strapiombante fessurato ed uscita
                                         insidiosa. In monotiro: 7b+ 35m
32L CAMPIONE                     7a  32m Partenza diretta unta e mal protetta (meglio
                                         iniziare dalla cengia della Ratti). Diedro 
                                         obliquo e muretto a buchi faticoso. La via
                                         originale va a sx e prosegue con un tiro in
                                         fessura. 6a+ 18m,  abbandonato
32M CAMPIONE LUNGA               7a  38m Prosecuzione su muro a buchi netti. 
                                         Il grado non cambia
Clicca per la versione stampabile PDF
33  DIPENDE DA QUANTO BARI    7c+ 32m Si sta a dx degli spit, ovviamente “barando”
34  OLTRE IL TRIANGOLO        6c  20m Chiodatura obsoleta e distanziata; abbandonato
35L LOS MERENDEROS            6c  32m Continuità; si innesta nella Campione al
                                      terz’ultimo fix
36N GLI ANTENATI *            7a+ 30m Tiro di continuità in leggero strapiombo con 
                                      difficile traversino d’entrata e passo di dita a
                                      prendere la fessura finale. Nel complesso
                                      faticoso ma con qualche riposo 
36O GLI ANTENATI LUNGA *      7a+ 42m Muro strapiombante a buchi. Attenzione alla
                                      Moulinette
37  SLAVESCION *              8a  30m Partenza con Antenati, poi muro strapiombante di
                                      dita e resistenza con due sezioni molto intense.
                                      RP S. Alippi 
                                      Il chiave finale è stato allungato di un fix:
                                      spostamento a sx, per poi rientrare a dx (?)
37P TRANSPIGAZZO              NL  35m Partenza su Slavescion, spostamento a dx su
                                      Antenati ed uscita (1 fix aggiunto) sul Pigazzo
38  IL PIGAZZO IN DECADENZA * 7c+ 30m Grande continuità con allunghi (o lanci) a
                                      buchi, uno scavato nel tratto chiave
39Q RATTI                     6b+ 25m Fessura-lama in leggero strapiombo, faticosa. La
                                      via originale va a sx per diedri viscidi. 
                              6b  25m abbandonato
39R RATTI DIRETTA *           7a  38m Dalla S1 Ratti, muretti strapiombanti a buchi
                                      distanziati con passo di decisione poco prima
                                      della catena
39S RATTISSIMA *              7a+ 45m Prosecuzione su muro a buchi: un viaggio
                                      interminabile. Attenzione alla moulinette
40  EL SUENO                  7b+ 25m Tiro molto costretto in alto
41Q PINCIROLI *               7b+ 25m Entrata di dita, complessa e violenta, poi
                                      resistenza e deCisione. Chiodatura lunga. Il
                                      grado è dato senza utilizzaRe la fessura di dx
                                      sul muretto d’entrata
41R SUPERPINCIROLI *          7c  38m Prima dell’uscita di Pinciroli, salire il muro a
                                      buchi  di  dx con chiave alla fine, evitabile
                                      spostandosi  a dx sul Caffè
42T ULTIMO CAFFE’             6c  35m Inizio sprotetto, poi spaccature atletiche e
                                      risalti a buchi
42U ULTIMO CAFFE’ LUNGA       7c  42m Muretto finale esplosivo 
43  CARDIOLESO                7a  30m Muro a buchi distanziati con singolo finale di
                                      dita, collegandosi con Il Conte Chiappa
44  IL CONTE CHIAPPA          6c  30m Inizio sprotetto, poi fessure appigliate con
                                      muretto intermedio a buchi svasi e tacchette
44a IL CONTE CHIAPPA DIRETTA  6c  30m Partenza diretta su difficile fessura saponosa
45a CASSIN DIRETTA            5b  12m Spigolino e fessura sulla dx; poche protezioni
45V CASSIN                    6a+ 30m Il primo tiro originale è poco percorso. Partite
                                      sulla 44a e salire poi una fessura unta con
                                      faticoso strapiombino. La via originale prosegue
                                      con altri due tiri fino in cima
46W ANCHE QUI *               8a  28m Dalla S1 Cassin sale il muro a dx di resistenza
                                      per le dita, con passi aleatori. 
                                      RP Andrea Di Bari
46X ANCHE QUI DIRETTA *       8a+ 30m Uscita diretta, con durissimo singolo di dita.
                                      RP S. Alippi
47  SENZA NOME                NL  30m Dal terzo fix di Anche Qui sale il muro a sx
48X  ROUA                     NL  30m A dx di Anche Qui, con cui ha 2 fix in comune
Testi, disegni e immagini: Copyright  ©  2004-2011  larioclimb.paolo-sonja.net
Accessi a LARIOCLIMB
Accessi alla Homepage Paolo&Sonja