PLACCHETTE DEL SAN MARTINO – SETTORE “PICÉTT”
Versione stampabile PDF
 AREA "TRAD"
Itinerari da attrezzare con protezioni veloci. Soste a fix+catena+moschettone
Ha collaborato alla relazione Tommaso Garota, autore del disegno.
 
Il settore "Picètt" è la struttura posta tra le PLACCHETTE DEL SAN MARTINO DI DESTRA ed i BAGAI DE LECCH, e si presenta con ripidi risalti con qualche discontinuità, di roccia generalmente ottima molto lavorata e abrasiva, caratteristica del San Martino - Medale; comunque sempre da verificare.
L’arrampicata è generalmente abbastanza semplice, ma sprotetta. Quindi, se le Placchette classiche, attrezzate a fittoni resinati, sono ottime per imparare a muovere i primi passi sulla roccia, i Picett (a proposito: il Picètt, tradotto dal dialetto locale, è il Pettirosso) vogliono essere lo step successivo, per imparare ad utilizzare le protezioni veloci. Si tratta di un settore da avvicinare con grande prudenza e attenzione!

Periodo
Le strutture si possono frequentare per gran parte dell’anno a parte la piena estate. In inverno meglio al mattino. La roccia asciuga molto in fretta.

Chiodatura
Le vie non sono attrezzate, è quindi necessario proteggersi con dadi e friends. Soste a fix, catena, moschettone. I tracciati sono indicativi e, soprattutto nella parte bassa, è possibile salire senza percorso obbligato lasciando spazio alla fantasia. Quando ci sono altre cordate tenere presente che alcuni tiri convergono alla stessa sosta. Pur essendo una piccola parete di difficoltà moderate, le vie sono da considerarsi alpinistiche e vanno affrontate di conseguenza.

Chiodatori
Più che di chiodatori, visto che di chiodi ce ne sono ben pochi, qui si parla di riscopritori e pulitori. Si tratta dei giovani Tommaso Garota, Guido Buratti e Francesco Bonacina che hanno effettuato l’intervento tra fine 2020 e inizio 2021. Dopo una enorme pulizia dalla vegetazione, si è cercato per quanto possibile di bonificare anche la roccia. Vista la conformazione della parete c'è comunque da prestare attenzione ai sassi mobili soprattutto in corrispondenza di cenge e avvallamenti. Diverse generazioni si sono divertite su queste rocce (ai Picètt sono ancora presenti segni di vernice rossa); è quindi difficile dare una paternità agli itinerari. Va tenuto anche presente che nei rioni sottostanti abitavano alcuni dei primi Ragni di Lecco! Con la riattrezzatura a resinati delle Placchette, le strutture limitrofe sono cadute nel dimenticatoio, a parte alcuni itinerari di Ivo Ferrari e dei Bagai de Lecch. Anche Andrea Savonitto “Gigante” si era dato da fare da queste parti.

Materiale
Casco, fettucce, serie di friend dal 0.4 al 3, qualche dado, corda da 80 m se si sale fino alle soste più alte, altrimenti è sufficiente corda da 70 m. Essendoci pochissime protezioni fisse, non viene indicato il numero di rinvii. Ognuno si regoli a suo "gusto", raccomandando, nel dubbio, di abbondare.

Accesso
Da Lecco salire verso la Valsassina; al rione Malavedo, in corrispondenza di un tornante a dx, voltare a sx in Via Quarto parcheggiando al suo termine presso il Cimitero. Proseguire tra le abitazioni e, superata una scalinata, si sbuca su una strada asfaltata; percorrerla a sx, al termine procedere a dx in piano e poco dopo salire per una scalinata ed un ripido sentiero acciottolato (n. 52 San Martino - Val Verde – Resinelli) fino alla sterrata di servizio alle reti paramassi. Seguirla verso sx, ignorando la deviazione a dx per la Ferrata, raggiungendo l’inizio del sentiero vero e proprio che dopo qualche svolta passa accanto alla “Placchetta di destra”. Tagliando verso dx la si raggiunge in breve. Seguire poi la base delle rocce fino al limite destro e, dopo essere scesi per pochissimi metri su un'evidente traccia, si raggiuge la base dei Picètt, caratterizzata da un piccolo muretto a secco. 25 min.

PICÉTT
Per tutti gli itinerari: primi salitori sconosciuti 
1
PILASTRO SPEZZATO
 
IV+
30 m
 
2
DOLCE VITA
 
IV
37 m
 
3
DUNEMOSSE
 
IV
37 m
 
4
CODA DI LUPO
 
IV+
26 m
 
5
CULODRITOO
 
VI
26 m
 
6
A MANO A MANO
 
III+
15 m
 
7
CONFUSIONE
 
V-
25 m
 
8
TRENO A VELA
 
IV
15 m
 
9
L'OMBRA DELLA LUCE
 
V
15 m
 


Testi, disegni e immagini: Copyright © 2021 larioclimb.paolo-sonja.net
Accessi a LARIOCLIMB
Accessi alla Homepage Paolo&Sonja