FALESIA DI SAN TOMAS
Versione stampabile PDF Bookmark and Share

Piccola fascia rocciosa immersa nei boschi sopra Valmadrera sul sentiero per il Corno Rat, costituita da un risalto con una fascia strapiombante dove passano tiri fisici e, 20 metri a sinistra, da una placca inizialmente appoggiata che man mano si raddrizza con muri a tacchette. Nonostante l’altezza modesta delle pareti, la falesia risulta interessante per la bellezza della roccia e l’intensità di alcune vie. L’ambiente inoltre è molto bello e tranquillo. Da non mancare la visita al vicino nucleo rurale di San Tomaso (San Tomàas in lingua locale) con il piccolo museo dell’agricoltura, il tutto   ristrutturato dalla Comunità Montana del Lario Orientale. Nelle vicinanze, i resti di una piccola fornace per la calce ed il Tajasass, dove anticamente si tagliavano i Trovanti di Serpentino. Nel periodo giusto, si può anche far castagne nei boschi e, per chiudere la giornata, sfondarsi di polenta e pietanze varie al Ristoro di San Tomaso. Non mancano quindi i motivi per una visita “polifunzionale”: sportiva, naturalistica, culturale ed eno-gastronomica (soprattutto “eno”).

Periodo
Primavera ed autunno, sole dal primo mattino. La roccia asciuga abbastanza in fretta. Caldo in estate, quando però si può stare al fresco all’ombra del pomeriggio, mentre in inverno è consigliabile solo al mattino se non fa troppo freddo. A marzo, magnifica fioritura di mandorli a San Tomaso.

Chiodatura
Ottima a Fix con catena e moschettone di calata; nomi alla base.

Chiodatori
Domenico Chindamo (in gran parte autofinanziandosi) dal 2010, con la collaborazione di Lorenzo Baronio per il settore dx. L’autore ringrazia Delfino Formenti, Ermes Baronio e Carlo Rusconi dell’Agriturismo per il supporto logistico.

Accesso
Dalla Frazione Belvedere di Valmadrera (vedi Corna Rossa) salire per ripida strada asfaltata, poi lastricata, fino alla Cappelletta V.A.R.S. da cui si prende la mulattiera a sx (segnavia n.3) raggiungendo S. Tomaso. Deviare ora a dx lungo il sentiero n.5, che si abbandona poco oltre il torrente Inferno per salire brevemente alla falesia: cartello indicatore. 40 minuti.
1
SPEEDY CONZALES
 
7a
12 m
Strapiombo
2
MILAURA
 
7b
12 m
Strapiombo
3
BIP BIP E WILLY IL COYOTE
 
7a
12 m
Muro Grigio
4
ASTERIX E OBELIX
 
7a+
12 m
Muro grigio
5
DELFIX
 
7a+
12 m
Passo intenso in entrata, poi muro grigio
6
LUIS
 
6a+
12 m
Aggira un piccolo bombamento
7
TACCO 12
 
6c
18 m

8
SCARPONE 2008
 
6c+
18 m
Muretti verticali
9
FRIENDS KALIMNOS
 
6b+
18 m
Muretti verticali
10
POPOLO DEI BATUFFI
 
6a
18 m

11
IL TRUCCO C'E' MA NON SI VEDE
 
5b
18 m
Fessura e diedro aperto
12
AGRICARLO
 
6b
18 m

Testi, disegni e immagini: Copyright  ©  2012  larioclimb.paolo-sonja.net
Accessi a LARIOCLIMB
Accessi alla Homepage Paolo&Sonja